• Le terapie oncologiche oggi consentono a sempre più donne di vincere la malattia ma per poter vedere esaudito il desiderio di maternità , in alcuni casi è necessario preservare la fertilità.Il Centro di Oncofertilità è rivolto a donne di età inferiore a 38 anni colpite da tumore e che intendono preservare la propria fertilità prima di sottoporsi a trattamenti oncologici.

    Le terapie oncologiche oggi consentono a sempre più donne di vincere la malattia ma per poter vedere esaudito il desiderio di maternità , in alcuni casi è necessario preservare la fertilità. Il Centro comprende la Banca del Tessuto Ovarico e Cellule Germinali (BTO), unica banca della regione Lazio. La BTO è finalizzata alla conservazione del tessuto ovarico prima che le pazienti vengano sottoposte a chemioterapia, radioterapia o interventi che possono compromettere o interrompere la funzionalità ovarica, con la conseguente perdita della fertilità e la comparsa di una menopausa precoce nella donna adulta.La BTO dell’IRE si occupa quindi della conservazione di frammenti di tessuto ovarico contenenti gli ovociti, che verranno reinnestati nella donna colpita da cancro dopo la fine dei trattamenti oncologici, permettendole una ripresa sia della funzione ormonale sia di quella riproduttiva.

    Il Centro si avvale del lavoro multidisciplinare, sinergico ed altamente specializzato, di una equipe formata da ginecologi, oncologi, endocrinologi, oncoematologi, psicologi e biologi della riproduzione.